Trip-guida di Rodi, Grecia

La splendida baia di Lindos e il villaggio tradizionale

Malgrado non sia inserito nel meglio del 2013 (al suo posto c’è Santorini) Rodi rimane un’ottima destinazione a portata di low-cost per delle grandi vacanze al mare. Qui la crisi c’è (anche se è difficile vederla) ma il turismo mantiene in vita l’isola, quindi venendo in vacanza in Grecia e con un pò di oculatezza, aiutate anche qualche famiglia greca a sopravvivere. Questa guida è uno spunto per aiutarvi a scoprire l’isola di Rodi, naturalmente metteteci un pò di sana curiosità e la visita sarà perfetta.

Arrivare a Rodi
Vittima del turismo di massa arrivare a Rodi è abbastanza facile: ci sono voli per parecchie destinazioni sia con Ryanair che con Easyjet per le principali città italiane. Naturalmente prenotate in anticipo, tipo 3 mesi prima, per evitare i rincari dell’ultimo momento. Una tratta normale A/R parte sui 20-30 EUR con entrambre. Un’altra opzione più romantica è arrivare ad Atene e prendere un traghetto con Blue Star Ferries (sui 50 EUR, 70 in alta stagione) con trip notturna e arrivo a metà mattinata, stancante ma un’esperienza se non l’avete mai fatto. Idealmente visitate l’isola a maggio-giugno quando il meteo è perfetto: caldo non asfissiante, prezzi più abbordabili e molti meno turisti quindi meno caos. L’aereoporto è sul lato “turco” dell’isola, se non avete organizzato un trasferimento meglio non avere fretta  prendere un bus, altrimenti il noleggio di una macchina è una buona opzione (vedi dopo).

Soggiornare a Rodi
Come sopra, con il turismo di massa avete tutte le scelte possibili, a parte il campeggio, e due lati. Il lato rivolto alla Turchia ha il mare più agitato e ventoso, ottimo per il surf, e grossi centri resort; proseguendo la costa è molto meno sviluppata anche perchè le spiagge sono piuttosto a sassi e non sabbia, e in generale rimane più selvaggio e “vero”. Il lato “interno” ha le spiagge e baie migliori e le località più famose. Nell Old Town di Rodi c’è un piccolo ostello carino se volete fermarvi giusto per un paio di notti e scoprire la città antica, ma è scomodo per le spiagge. Per trovare un ottimo appartamento rivolgetevi a http://www.appartamenti-rodi.com/ che lavorano sull’isola da anni e hanno ottime offerte, uno dei pochi che inoltre sostengono direttamente (e non ricattano, come le grandi catene) i proprietari locali. Testato e approvato. Io vi consiglio di stare o a Lindos (piccolina e molto trendy) o a Faliraki, una specie di piccola Rimini ma con anche delle zone tranquille. Un pò più tranquilla è Lardos, verso il fondo dell’isola.

Muoversi a Rodi
Rodi non è grandissima ma non è neanche piccola, la diagonale fa circa 80 km. Se volete girarla tutta ci vuole un pò più di un motorino, una piccola utilitaria è un’ottima scelta. Chiedete come sopra ai ragazzi dell’alloggio che vi consigliano loro i loro ragazzi locali che hanno macchina fidatissime (nel passato ho incrociato un paio di gruppi di scandinavi appiedati dalle loro macchina affittate localmente). Le tariffe vanno da pochi EUR al giorno (sui 10-12 per gli scooter) a circa 20 per una macchina. segnatevi dove sono i distributori di benzina per non restare a piedi. Portatevi sempre dietro la patente italiana e fate attenzione che comunque ci sono parecchi incidenti, spesso la sera, sulle strade principali.

Le spiagge migliori

Se venite a Rodi per il sole e per il mare state sul lato interno. Accanto a Faliraki la “Anthony Quinn Bay” è una piccola gemma, specie la mattina presto dove potete vedere un sacco di pesci con uno scenario mozzafiato in una piccola gola con qualche scoglio e acqua cristallina. Simile è la baia di Lindos, solo leggermente più ampia ma con una spiaggia di sabbia finissima e una dolce entrata in acque turchesi. Davvero bello nuotare con la vista del villaggio e del castello (la visita è imperdibile)!!! Entrambe sono organizzate, con lettini a 4EUR per la giornata ma potete piazzarvi a bordo acqua coi vostri asciugamani senza pagare.

Più tranquille frequentate invece dai locali sono la spiaggiona di Tsambika, davvero bella anche se un pò ventosa e Stegna, nei pressi di Archanghelos, un bel borgo tipico da scoprire.

Se volete fare windsurf non potete mancare di scendere a Prassonisis, dove i due mari, Egeo e Mediterraneo, si incontrano.

Prassonissis beach

Cosa fare a Rodi
L’isola ha una storia abbastanza lunga. Chi si ricorda del Colosso? Se lo trovate vi pago una birra. Segnatevi una giornata nella città vecchia/medievale, soprattutto per le stradine senza troppi turisti, con alcune case appena ristrutturate davvero belle. Occhio a non perdervi. Pure da non perdere una visita al bordo di Lindos e le sue rovine storiche. Per una gita di una giornata andate nella valle delle farfalle prima, per salire fino al monastero a dissetarvi e godere della vista, poi pranzate mentre le stradine di Theologos, un piccolo villaggio sulla strada verso la costa; quindi continuate sulla costa verso sud fino al castello di Kritina. Al tramonto tornate verso nord e fermatevi a mangiare in uno dei ristoranti sulla costa, i primi verso Theologos sono meno turistici e hanno pesce migliore.

Fatevi anche un giro a cavallo o fermatevi verso Lindos a visitare un laboratorio artigianale di lavorazione delle ceramiche. Giornata premio: ad Arghangelos per il borgo e finire la giornata sulla Stegna beach. Per un bel tramonto però provate Pefkos o Prassonissis.

E se siete ancora indecisi andate a farvi venire voglia con delle bellissime foto qua.