San Francisco: Golden Gate Bridge

golden-gate-bridge-4.jpgGOLDEN GATE BRIDGE: ecco uno dei ponti più famosi del mondo. Ci arrivate comodamente prendendo il pullman o da North Beach o dall’Embarcadero, mi pare che il numero sia il 70, costo della corsa 1.5 US$.

Situato a cavallo sulla bocca della baia, il Golden gate é una massiccia costruzione di colore rosso aranciato che si piega al vento e sotto il peso delle numerose auto che lo traversano continuamente. Si trova nella parte nordovest del Presidio, il parco più grande e turistico della città , e la unisce rapidamente con il nord. Attraversato il Presidio a piedi, con la navetta o velocemente arrivandoci in bus, il Golden Gate ti aspetta lì e ti farà  sicuramente impressione con la sua maestosità  e grandezza, se non altro perchè é un semplice ponte lungo due chilometri che sembra fluttuare nell’aria, immobile e aranciato, come se i suoi giganteschi piloni servissero solo esteticamente a rendere più bello il suo ingresso nel mare spumeggiante. Mi sono fermato a osservare per un po’, più da vicino, perchè il ponte lo vedi o lo scorgi ovunque, da ogni punto nella baia, a volte lo confondi anche col ponte gemello che sta all’interno, per unire San Francisco ad Oakland, la sua nemesi “continentale”; é veramente imponente, all’americana, bello come é il bello USA, e l’Oceano sotto, spesso piatto, scivola via sotto la sua aranciata figura. Una gran porca figura.
Qui si sente parlare italiano un sacco. E anche giapponese, e sì, sono tutti turisti. San Francisco é ancora meravigliosa, ma in maniera molto turistica: ricordo con simpatia una coppia romana a cui rivolgo la parola, stanno facendo il classico giro della “Costa Ovest” (ovvero LA, San Francisco, Grand Canyon, Las Vegas, Mojave Desert, e di ritorno a Roma via LA) e lei si stupisce molto quando le dico che io sono in America da due mesi ormai, da solo, ciondolando dalla casa di un amico artista a quella di uno musicista, a un furgone diretto verso qualche posto per spargere massicce dosi di rock.